Subcategories

  • Cours et options
  • Commentaires
  • Photos
  • Enseignantes
  • projets

    IL SOLE DENTRO, PAOLO BIANCHINI

    Les élèves étudiant l'italien des classes 1A et 2A ont assisté à la projection-débat du film Il sole dentro en présence du réalisateur Paolo Bianchini. L'activité était organisée en collaboration avec le Circolo Culturale e Ricreativo Eugenio Curiel asbl, Luxembourg et s'est déroulée le 29 janvier 2014. Voici quelques commentaires de nos élèves:

     

    Il 29 gennaio, quando il regista Paolo Bianchini è entrato nella nostra aula, per noi era subito chiaro che era un uomo simpatico e molto dinamico. Ha parlato con noi senza nessuna arroganza e alcune delle sue parole ci sono pure sembrate poetiche. Il suo film è nato perché Bianchini si è indignato contro i responsabili politici dell’Unione Europea. Nessuno aveva reagito né alla lettera né alla morte di Yaghine e Fodè, e questo per lui era intollerabile. Ha denunciato questa indifferenza nel suo film.

    Hannah Runge, Caroline Arendt, 1A, AL, 2013-14

     

    Paolo Bianchini è riuscito a emozionarmi quando è venuto all’Athénée a presentarci il suo film più recente “Il sole dentro”. Ci denuncia il materialismo, l’indifferenza e l’egoismo della nostra società. Con due belle storie sull’amicizia Bianchini dà una voce ai bambini che di solito nessuno ascolta. Con la sua sensibilità, Bianchini ci mostra il male che il capitalismo affligge alla nostra società moderna. Afferma “il denaro è il cancro del mondo”. Per lui la cosa più bella consiste nel fatto di fare nuove conoscenze. E alla fine del nostro incontro, ha stretto la mano a noi tutti, uno alla volta, e ci ha salutato con un grande sorriso simpatico.

    Mélanie Thill, LMRL, 1A, 2013-14

     

    Alcune scene del film sono molto commoventi. In primo luogo l'incontro tra il padre X e i due ragazzi è molto filosofico e pedagogico. In secondo luogo la storia di Chiara, chiamata "pasta e fagioli" è affascinante perché questa donna ha un cuore aperto ed è piena di umanità! Il film ci trasmette un messaggio importante: il colore della pelle non è importante perché sono i valori come la solidarietà e l'amicizia che vincono! E poi anche la gente povera dovrebbe avere il diritto all'educazione e alla giustizia!

    Lisa Nennig, Yanna Sumkötter, AL, 2A, 2013-14

     

    L'idea iniziale del film si ispira a un vero fatto di cronaca. Yaghine e Fodè sono stati ritrovati morti nel vano di un aereo perché volevano dare la loro lettera ai responsabili dell'Europa. Era una lettera piena di speranza per i giovani del continente africano. Gli amici Rocco e Thabo sono anche loro guidati da un forte ottimismo e la traversata del deserto sembra un vero miracolo. Purtroppo ancora oggi l'aiuto richiesto da Yaghine e Fodè è rimasto inascoltato e questo è inammissibile!

    Maida Tubic, Anne Gehlen, AL, 2A, 2013-14

     

    Il coraggio di Bianchini di criticare le autorità europee ci ha impressionato. La sua onestà e modestia sono valori diventati rari nella nostra società del consumo e dell’imbroglio.

    Ana Lorang, LAML, 2013-14; Claire Schadeck, AL, 2013-14

     

    Dopo aver visto il film "Il sole dentro" abbiamo avuto la grande fortuna di incontrare il regista Paolo Bianchini che ci ha spiegato perché voleva girare questo film. Considerando che quest´uomo ha già ottantadue anni e che sta sempre viaggiando per le scuole italiane e straniere, rafforza la mia considerazione e il mio rispetto. Paolo Bianchini ha un cuore molto puro e aperto, e quando lo si incontra, non ci si può più allontanare da lui. Si capisce subito che a lui piace fare nuove conoscenze, soprattutto con i giovani. Forse nutre più speranza per la giovinezza che per la sua generazione. Per me questo incontro è stato molto prezioso e ed è stato un vero arricchimento.

    Kevin Schoos, LMRL, 1A, 2013-14